Omaggio a Paco de Lucia – Zyryab

Omaggio a Paco de Lucia – Zyryab

Zyryab è un bellissimo brano di Paco de Lucia, ed è anche il titolo dell’album del 1990 caratterizzato da una meravigliosa contaminazione fra il flamenco ed il jazz.

Zyryab deriva dal nome di un poeta e musicista arabo vissuto in Andalusia nel IX secolo e considerato molto importante per lo sviluppo della tradizione della musica andalusa, soprattutto per aver introdotto in Spagna il liuto persiano, poi diventato la chitarra spagnola.

Il brano, capolavoro di tecnica, composizione ed emozione così come tutto l’album di Paco de Lucia, può essere annoverato fra le composizioni più incredibili del grande chitarrista spagnolo. Salvo Russo Zyryab

L’album di Paco de Lucia deve la sua forza anche alla presenza di altri grandi “mostri sacri” della musica, primo fra tutti Chick Corea (pianoforte), Potito (voce), Manolo Sanlucar (chitarra flamenca), Rubem Dantas (percussioni, cajón), Carles Benavent (mandola, basso), Jorge Pardo (flauto).

Salvo Russo, direttore artistico e musicale di Flamenco Tango Neapolis, ha voluto rendere omaggio a Paco de Lucia attraverso la contaminazione di Zyryab con “Scetate”, un grande brano della tradizione classica napoletana, scritto da Ferdinando Russo ed arrangiato da Mario Pasquale Costa nel 1887.

In quell’anno il popolo napoletano volle omaggiare l’imperatore Guglielmo II di Germania (che si trovava a Napoli per una visita) facendo eseguire questo brano da un gruppo di posteggiatori proprio sotto la finestra della sua stanza, nel Palazzo Reale di Napoli.


Testo di “Scetate”

Si duorme o si nun duorme bella mia,

siente pe’ nu mumento chesta voce…

Chi te vò’ bene assaje sta ‘mmiez’â via

pe’ te cantá na canzuncella doce…

Ma staje durmenno, nun te si’ scetata,

sti ffenestelle nun se vonno aprí…

è nu ricamo ‘sta mandulinata…

scetate bella mia, nun cchiù durmí!

‘Ncielo se só’ arrucchiate ciento stelle,

tutte pe’ stá a sentí chesta canzone…

Aggio ‘ntiso ‘e parlá li ttre cchiù belle,

dicevano: Nce tène passione…

E’ passione ca nun passa maje…

passa lu munno, essa nun passarrá!…

Tu, certo, a chesto nun ce penzarraje…

ma tu nasciste pe’ mm’affatturá…